Galleria Bonioni Arte, Reggio Emilia
16 settembre – 22 ottobre 2017

DA-DABRITH
Texture

A cura di Federico Bonioni
Testo di Vittoria Coen

Inaugurazione: sabato 16 settembre 2017, ore 18.00

La Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 43) presenta, dal 16 settembre al 22 ottobre 2017, la mostra d'esordio del collettivo Da-Dabrith, curata da Federico Bonioni con un testo di Vittoria Coen.
Intitolata "Texture" in riferimento alla particolarità dei materiali utilizzati – pizzi floreali e smalti – l'esposizione raccoglie una ventina di quadri, tutti di recente produzione, caratterizzati da una tessitura trasparente che consente la visione del supporto.
La scelta di conservare gelosamente l'anonimato è tesa a negare la personalizzazione dell'artista, dell'uomo, in un'epoca di marcato narcisismo. Proprio per questo, le opere stesse sono firmate con un timbro: riproduzione grafica di un logo che sembra alludere alla consuetudine in uso presso i grandi designer del passato.
«La texture del lavoro – scrive Vittoria Coen – è apparentemente semplice. Il supporto è il telaio, come uno scheletro visto ai raggi; esso ci permette di vedere la struttura di un lavoro che non ha un vero e proprio recto e verso, ma può essere "fruito" da entrambi i lati. Certamente il tema del recto-verso ha affascinato diversi artisti; come non ricordare, ad esempio, le trasparenze delle installazioni di Carla Accardi o il gioco del doppio di Paolini. Qui troviamo un biomorfismo di fondo, con fiori, quadrifogli, rappresentati in modo seriale, volutamente reiterato, quasi a ricomporre un modulo formale all'infinito. L'uso degli smalti dona, inoltre, una brillantezza ad un lavoro leggero, trasparente, da scoprire a poco a poco, un lavoro vagamente Pop, e volutamente ironico, una provocazione sottile, insolita, in un panorama artistico in cui gli effetti speciali sembrano dominare la scena internazionale».
Da-Dabrith è un collettivo fondato nel 2015 da quattro artisti provenienti da Europa ed Africa. Lavorano tra Amsterdam e Berlino. Il loro motto si sintetizza nella frase «Siamo artisti, ma non pensate a noi, pensate a cosa vogliamo dirvi!».
La mostra sarà visitabile fino al 22 ottobre 2017, da martedì a domenica ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00, chiuso il lunedì. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0522 435765, www.bonioniarte.it, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.facebook.com/bonioniarte.
Nei mesi di settembre e ottobre la Galleria Bonioni Arte sarà presente ad Expo Arte (Montichiari, 23-24 settembre 2017), Art Parma Fair (Parma, 30 settembre - 1 ottobre e 6-8 ottobre 2017) ed ArtVerona (Verona, 13-16 ottobre 2017).

Pubblicato in news

Castello del Monferrato, Casale Monferrato (AL)
8 ottobre 2017 – 14 gennaio 2018

REBUILDING SPACES
Dieci artisti in dialogo sul concetto di spazio

A cura di Niccolò Bonechi

Inaugurazione: domenica 8 ottobre, ore 11.00

 

Il Castello del Monferrato (Casale Monferrato, Alessandria) ospita, dall'8 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018, "Rebuilding spaces. Dieci artisti in dialogo sul concetto di spazio", esposizione curata da Niccolò Bonechi con opere di Pablo Atchugarry, Bonzanos Art Group, Mario Fallini, Piero Fogliati, Piero Gilardi, Eduard Habicher, Luigi Mainolfi, Paolo Minoli, Rudy Pulcinelli, Arcangelo Sassolino.
Organizzata dal Comune di Casale Monferrato in collaborazione con le gallerie Bonioni Arte di Reggio Emilia e Lara e Rino Costa di Valenza (AL), la mostra sarà inaugurata domenica 8 ottobre, alle ore 11.00, alla presenza di Titti Palazzetti, Sindaco del Comune di Casale Monferrato, e di Daria Carmi, Assessore alla Cultura e al Turismo.
Il progetto – spiega il curatore – «intende sviluppare un dialogo tra dieci artisti, noti nel panorama artistico nazionale ed internazionale, e il luogo che accoglie le loro opere: il Castello del Monferrato, già sede della corte dei Gonzaga, già caserma sotto la guida dei Savoia, oggi contenitore ed incubatore di eventi artistici e culturali. "Rebuilding spaces" mette in relazione gli autori coinvolti con il concetto di spazio tout court, inteso pertanto non nel suo senso più fisico e tangibile, bensì come smisurato campo di azione, laddove si intercettano tutte le direzioni del pensiero artistico».
In mostra, una quarantina di opere prevalentemente scultoree, alcune delle quali di grandi dimensioni, suddivise in cinque macro-temi che da sempre interessano l'aspetto fenomenologico del fare arte: Luce (Sull'interpretazione della luce, Piero Fogliati e Paolo Minoli), Natura (Artificio e Natura, Piero Gilardi e Luigi Mainolfi), Materia (L'intangibile consistenza della materia, Pablo Atchugarry ed Eduard Habicher), Spazio (Di pieni e di vuoti, Bonzanos Art Group e Rudy Pulcinelli), Caos (Sospensioni, Mario Fallini ed Arcangelo Sassolino). All'interno di queste categorie, l'interesse dell'esposizione è mostrare come autori nati in un arco temporale di trent'anni abbiamo tratto risultati tanto prossimi quanto allo stesso tempo lontani tra loro.
La mostra sarà visitabile fino al 14 gennaio 2018, sabato e domenica ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00; visite guidate su appuntamento (tel. 0142 444330). Ingresso libero. Catalogo Edizioni Bertani italiano/inglese con testi di Niccolò Bonechi e riproduzioni a colori. Coordinamento tecnico dell'Associazione Santa Caterina Onlus di Casale Monferrato cui saranno devoluti i proventi derivati dal volume. Per informazioni: Comune di Casale Monferrato (tel. +39 0142 444330, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.comune.casale-monferrato.al.it).

Pubblicato in news

Archivio eventi